Armi di distruzione di massaia


massaia

L’ordigno decrepito
regolarmente denunciato
ha un passato glorioso
ma un futuro minacciato
dalle pagine
ormai illeggibili
di antiche ricette
da tramandare ai posteri.

E farina come polvere,
da sparo il continuo crescere
di mode che lei rigetta
dispensando una sola cura:
“Dovevate vedere la guerra…”

Di cibi più o meno leciti
i suoi racconti finir nei meandri
di sirene dai suoni sinistri
nelle orecchie di commensali intolleranti,
inermi testimoni
di uno ieri ormai bollato,
perchè basta una vocale
a stravolgere il vissuto.

E rimpiange sagre grasse
snocciolando un rosario,
condisce il sacro
con un tocco vegano,
non differenzia
ma crede nell’integrazione,
alle eruzioni cutanee
risponde con l’estintore.