Sguardi quotidiani


edicola

Domino come un effetto
il passaggio ininterrotto
di gente che calpesta la mia storia
perchè si permette
di respirare la stessa aria.

Ed ho un bastone amico fraterno
che strizza l’occhio al solito quotidiano
che sputa veleno come inchiostro
su fedeli stretti in fila
ad un comizio dal braccio teso.

Clienti come radici
annuiscono come randagi
ad un piatto servito sempre caldo,
ho la rabbia come contorno
e contamino da chef moderno
antichi rancori
con ciò che passa il convento.